Menu
menu

PAGE PROOF – A Short Guide to Emilia Romagna  (2016)

I portray Emilia Romagna by a page proof of a short guide (a black and white accordion folder printed back-and-front) because what editors do is similar to the Italian region. Working very hard and seriously, the editorial staff assembles basic units (images and texts of various type) to make complex objects (novels, guides, handbooks, reviews). But above all a publishing house is a very social and dynimic place, where things are still full of possibilities and in continuous transformation. In every moment the editorial staff tries, corrects, polishes, starts again.

 

Sara_Vighi-GB-01

Photograph n. 1:  proof section including the back of the short guide

 

Minimal and common situations and objects are suitable to Emilia Romagna too, because here everything is measured and mild, starting from the beauty of cities and landscape. But even if Emilia Romagna doesn’t have “a wonderful equipment”, thanks to a simplified environment, it can be easily moulded and take free and reversible forms corresponding to the projects and desires of people and communities. The Adriatic Riviera is a good example of this malleability. It fits all different turists and their needs. In Rimini and in Bologna everything is possible. It is the same in a publishing house, when the staff works on a page proof.

Technical details:  6 photographs; inkjet print on cotton paper (32 x 48 cm)

 

Sara_Vighi-GB-02

 Photograph n. 2:  proof section

 

PRIMA BOZZA – Guida breve dell’Emilia Romagna  (2016)  / Ita

Racconto l’Emilia Romagna attraverso la prima bozza di una guida breve (un dépliant a fisarmonica stampato fronte/retro in bianco e nero) perché il lavoro redazionale le assomiglia. All’interno di una casa editrice, la redazione è il luogo senza fronzoli in cui si gestisce dello spazio dotato di significato, assemblando tas­selli elementari (immagini e testi di vario tipo) per realizzare oggetti com­plessi (un romanzo, una guida, un manuale, una rivista). Ma la redazione è soprattutto il luogo dinamico e sociale in cui le cose, ancora piene di possibilità, sono in continua trasformazione. Dove in ogni momento si prova, si corregge, si perfe­ziona, si ricomincia daccapo.

 

Sara_Vighi-GB-03

Photograph n. 3:  proof section including the cover of the short guide

 

Anche l’Emilia Romagna è ben rappresentata da situazioni e oggetti minimi e comuni – cioè condivisi, popolari e quotidiani – perché in Emilia Romagna tutto è contenuto e mite, a cominciare dalla bellezza di città e paesaggio. Ma se la dotazione di base non è straordinaria, è pur vero che grazie a una struttura semplificata l’Emilia Romagna è anche e soprattutto un territorio che si presta a essere modellato, ad ac­quisire forme libere e reversibili, corrispondenti ai progetti e ai desideri di singoli e comunità. Ne è un esempio la Ri­viera adriatica, che si declina adattandosi a chi la frequenta, plasmandosi elastica e accogliente in tante Ri­viere quan­ti sono i tipi umani e le loro esigenze. A Rimini, ma anche a Bologna, tutto è sempre pos­sibile. Come in redazione, quando il lavoro è solo alla prima bozza.

Dettagli tecnici:  6 fotografie; stampa inkjet su carta cotone (32 x 48 cm)